Cupra Formentor: oltre alla linea c’è anche il prezzo!

Formentor. Ho sempre pensato a Formentera e invece…a fine pezzo vi dico da cosa deriva il suo nome.

Sarò breve. In un’epoca in cui i SUV spopolano – e non sono affatto contrario – trovare originalità è veramente difficile. E pure trovarne uno che abbia una bella linea, sportiva, filante e non costi uno sproposito, non è affatto facile.
Fin da quando hanno presentato la Cupra Formentor lo scorso marzo ho atteso con grande curiosità i prezzi, perché mi piaceva davvero questo stile che fa un po’ “Urus di noi comuni mortali”.
Ve la racconto un attimo e poi vi dico i prezzi (in questa foto vedete la mia configurazione).

La Cupra Formentor è il primo modello interamente sviluppato da Cupra. Non è una Seat elaborata, come siamo stati abituati, ma un modello completamente nuovo.
Lunga 445 cm, larga 184 e alta solo 151cm, 6 in più della nuova Léon. Direi che la Formentor ha la taglia perfetta per tutti i giorni –  con la sua forma chiaramente ispirata alle coupé.
Fari sottili, cofano con tante nervature ma soprattutto fianchi larghi, spalle belle larghe e lunotto molto spiovente.
Poi al posteriore ci sono i fari uniti da un lato all’altro (come sulla nuova Léon), nei passaruota allargati troviamo cerchi da 19” di serie per tutte, e quattro scarichi.
Proprio gli scarichi – veri – dicono tutto del motore della Cupra Formentor. Al momento c’è solo un 2.0 turbo benzina da 310 cavalli, cambio automatico a 7 rapporti e trazione integrale 4Drive.

Tanta roba, soprattutto per il mercato italiano dove dovrà fronteggiale il mio peggior nemico: il superbollo.
Nel 2021 arriverà anche una versione più umana. Un motore ibrido plug-In, con il 1.5 TSI benzina da 150 cv e l’elettrico da 115cv alimentato da batterie con capacità di 13 kWh.


Si poteva prenotare la Cupra Formentor solo in 1.000 esemplari – in Italia -, nella versione Launch Edition, andata a ruba nel giro di una settimana che si distingue per dotazioni uniche, come i cerchi da 19” con la finitura in bronzo opaco che caratterizza altri dettagli interni della Formentor.
Bella. Bellissima, ma senza sapere il prezzo finale era un po’ un’incognita, almeno per me.

Finalmente ora sappiamo i prezzi della Formentor e sono ufficialmente aperti i preordini. Quindi…sono corso sul sito a configurarmela. E ho trovato una filosofia come piace a me: un unico allestimento, molto completo, e pochi optional che non costano un patrimonio.
Per la 310 cv, l’unica della quale si conoscono i prezzi, si parte da….rullo di tamburi…47.150 euro, che ok sono parecchi soldi, ma stiamo pur sempre parlando di un’auto con una linea veramente bella, riconoscibile, 310 cavalli e tante dotazioni di serie: ACC, sedili sportivi monoguscio, fari full LED, schermo touch da 12”, dettagli bronzo satinato, cerchi da 19”.


Gli optional della Formentor sono pochi e tra i più interessanti ci sono i sedili e plancia in pelle totale con impunture bianche. Belli ma forse troppo particoalri pure per me, e quindi non lì ho aggiunti per ora.
La pellicola opaca per la vernice esterna è senza sovrapprezzo, quindi aggiunta, anche perché i colori sono solo nove – me ne sarebbe piaciuto qualcuno più acceso. Ho aggiunto poi il tetto apribile da 1.300 euro, la visione con Top View Camera, fondamentale vista la linea da coupé, a soli 550 euro, sedili riscaldati con memorie e volante riacaldato a soli 395 euro e l’Impianto Beats Audio a 565 euro…e….basta. Non c’è altro. Il resto è di serie!


Tre i disegni dei cerchi in lega, tutti da 19″. A me piace quello di serie. C’è poi l’impianto frenante Brembo, con pinze con il lettering Fromentor di colore Bronzo. Costa più di 2.000 euro quindi non l’ho aggiunto. Il mio totale si ferma quindi a 50.100 euro. Che direi non essere affatto male, se paragonato al costo di altre “cugine” con lo stesso motore.

Ah sapete perché si chiama così: prende il nome di uno da un promontorio di Maiorca. Uno dei più belli e selvaggi.

Non vedo l’ora di vederla dal vivo! Mandatemi la vostra configurazione su Instagram!

Lascia un commento