Finale di stagione

Cari tutti,

questo blog è nato tre anni e mezzo fa, del tutto per caso, come sapete, dopo la mia partecipazione alla Millemiglia. Pian piano è cresciuto, ho fatto test drive nazionali, internazionali, altre corse d’epoca e cose che mai nemmeno nei miei migliori sogni da appassionato avrei potuto immaginare; il tutto senza comprare visualizzazioni, like, follower o far parte di gruppi what’s app di influencer per avere commenti.

Da tre anni a questa parte a fine anno mi piace scrivere un finale di stagione, come in una sorta di serie tv, titolo a cui si ispira il nome di questo blog.
Quest’anno non lo farò. Perché un finale non c’è.

Perché quest’anno è stato per me durissimo dal punto di vista personale, come e solo in una serie tv poteva essere. Qualcuno mi ha detto che è sembrato un romanzo e, se ne avrò il tempo, un giorno lo scriverò.
E ho accusato il colpo, anzi i colpi; uno dietro l’altro, fermandomi, e prendendomi pause, più di una volta.
Perciò, non c’è un fine stagione, perché, in realtà, gli episodi della vita, me l’hanno fatto vivere solo in piccola parte.

Non faccio nemmeno bilanci, anche se ho fatto i miei top drive, sono riuscito a fare una gara d’epoca e seguire la Millemiglia, ma tutto sarebbe troppo sbilanciato, sulla bilancia della vita, che ho sempre tenuto fuori da questo blog e dai miei social, e sempre farò.

Non c’è un finale di stagione, ma la chiusura di un capitolo, un capitolo iniziato tre anni fa all’arrivo della Millemiglia, con un incontro fortuito, con colei che mi ha spinto in questa, chiamiamola folle, avventura e che ringrazierò sempre.

Non so dirvi se aprirò un altro capitolo, dove sarà, se sarò ancora qui o la vita deciderà che la fine del capitolo, sarà anche la fine della serie di The House of Cars, il cui autore è @Luca_thecarguy.
Di sicuro ci sarà una nuova stagione, con due nuovi autori di cui mi fido e di cui avete letto gli articoli negli ultimi mesi.

Vi lascio però con i miei Car Emmy Awards 2018.

L’auto – non supercar- migliore che ho provato nel 2018 e che comprerei è la…….Hyundai Kona 1.0 T-GDi Style. Lo confesso. Sono pazzo di quella piccola Suv dal design manga che mi ha accompagnato in un tour non stop di sei passi alpini sopra i duemila metri, regalandomi tanti sorrisi.

Mentre l’auto con prezzo sopra i 100.000 non può che essere lei, la vedete in copertina. L’Aston Martin DB11 col motore V12 che mi ha accompagnato in un viaggio da sogno, di cui devo tenere ancora una parte sotto embargo.

Non posso che ringraziarvi per avermi seguito nei miei viaggi, scritto in privato, commentato e supportato, e augurarvi tutto il meglio.

 

“Se si accetta di uscire dal recinto in cui ci si sente sicuri, possono succedere cose meravigliose. E’ un po’ come nell’evoluzione della vita: si aprono continuamente nuove strade da esplorare, basta avere coraggio”

– cit. Piero Angela.

 

E ricordate sempre, che il futuro è nelle mani di chi crede nella bellezza dei propri sogni. Lottate per realizzarli.
Nel mio caso avevano le ruote 🙂

Un abbraccio,

Luca

Ps: e comprate sempre auto full optional!

Una risposta a “Finale di stagione”

  1. Grazie per le storie e le avventure. Spero che condivideremo più di loro.

Lascia un commento