Porsche Taycan: il suo nome viene dalla Turchia

Porsche Taycan, la rivoluzionaria quattro porte sportiva elettrica in arrivo nel 2019, prende il nome da due parole turche: “tay” e “can” che si possono tradurre (l’ho chiesto a un amico di Istanbul) come “giovane cavallo dall’anima vivace”, e viste le prestazioni promesse dalla nuova Porsche, verrebbe da dire che il nome è azzeccato, e secondo me, è anche orecchiabile, breve e immediato.

La scelta del nome è un momento fondamentale nello sviluppo di ogni nuova automobile, a maggior ragione se il modello è una novità assoluta. A volte ci si affida a nomi di parenti, come per la Lotus Elise, o al dialetto come per la Countach, che in torinese vuol dire “bella” e venne esclamato dal custode di Ferruccio Lamborghini.

Porsche non fa eccezione e infatti per scegliere il nuovo nome ci sono voluti mesi.
Porsche Taycan è stato scelto fra gli oltre 600 nomi, ipotizzati inizialmente dal team che si è occupato delle proposte, composto da uomini marketing, di prodotto, avvocati e linguisti che hanno verificato non solo il suono del nome e la presenza di eventuali doppi sensi, ma anche e soprattutto eventuali problemi legati a nomi già registrati in altri paesi, o utilizzati per altri modelli. Ricordate che il nome originale della 911 era 901 ma fu cambiato perché quel numero era già stato registrato da Peugeot? Oppure la Bora di Volswagen, per cui vennero comprati i diritti da Maserati? O ancora la nuova Panda che doveva chiamarsi Gingo, ma c’era troppa assonanza con Twingo?

Fra le prime fonti di ispirazione per il team Porsche c’erano termini legati all’aerodinamica, considerati perché la Taycan ha linee filanti che la fanno apparire molto leggera. Il processo di selezione ha impegnato in particolare gli avvocati della casa, che hanno dovuto ispezionare registri in tutto il mondo per evitare copiature e possibili cause legali.
La selezione del nome è giunta al termine nell’autunno 2017, quando una selezione di nomi è stata presentata al consiglio di amministrazione che ha scelto il nome definitivo Taycan per la vettura nota fino a quel momento come Mission E.

Il nome Taycan, inoltre, ha anche delle associazioni positive in altre lingue, per esempio in giapponese, “taikan” significa “esperienza fisica”, che si può tradurre nelle emozioni che una vera Porsche sa dare a chi la guida. E la Taycan vuole darle.

Non resta che aspettare la fine del prossimo anno!

Lascia un commento