Mitsubishi Eclipse Cross: buona la seconda?

Eclipse Cross. Nome da coupé a trazione anteriore degli anni novanta, ma formula tutta diversa. Si tratta infatti di un crossover ibrido plug-in.
Il 2021 sarà l’anno delle ibride plug-in, sia per la probabile estensione degli incentivi, sia perché praticamente tutti ne lanceranno una: Hyundai Tucson, Vw Tiguan, oltre alle best seller Ford Kuga e Volvo XC40. Anche Mitsubishi si butta nella mischia forte della sua esperienza (la Outlander è stata per anni la PHEV più venduta in Europa).

Esterni
La linea della Nuova Eclipse Cross è stata migliorata rispetto al vecchio modello. Il lunotto su due livelli nel retro è sparito per lasciare spazio al lunotto singolo che viene incorniciato in modo più armonioso dalla particolare forma dei fari posteriori.
Anche l’anteriore della Eclipse Cross cambia. I fari sono sottili e moderni con le due lame cromate ai lati danno un bel tocco di eleganza e sportività.

A completare il frontale si aggiunge una protezione sottoscocca che accentua l’anima da fuori strada dell’Eclipse, che Luca aveva apprezzato nella sua prova. Nel complesso la linea generale della vettura subisce una bella rinfrescata rispetto al modello precedente che aveva un design a mio avviso un po’ confusionario, non troppo apprezzato dal mercato europeo.

Interni
L’abitacolo della nuova Eclipse Cross, già ben rifinito, dovrebbe avere un upgrade a livello qualitativo, mentre lo spazio interno, notevole, con divano scorrevole rimane invariato. L’impostazione dell’abitacolo rimane uguale alla precedente. Mitsubishi ha optato per un cruscotto analogico con un piccolo quadro strumenti digitale, e un sistema d’infotainment con uno schermo da 8 pollici posto nel punto più alto della plancia, sopra alle bocchette dell’aria condizionata.

Il volante è semplice e a tre razze, a prima vista ha quasi un look sportivo e l’impugnatura sembra gradevole. gli interni sono all’insegna dell’eleganza a basso costo e nel complesso funzionano, a mio avviso c’è un po’ troppa plastica “grigiona”, ma qui si passa dalla mera informazione ai gusti personali.

Motori
Eclipse Cross adotta un sistema 4WD PHEV a doppio motore, derivato dall’Outlander PHEV. L’architettura è composta da due motori elettrici (anteriore e posteriore) ad alta potenza, una batteria di grande capacità e un motore MIVEC da 2,4 litri, che promettono un’accelerazione abbastanza rapida e silenziosa tipica dei veicoli elettrici. La batteria è da 13,8 kW e fornisce un’autonomia completamente elettrica di 57 km (modalità WLTP), che permette la guida 100% elettrica negli spostamenti medi quotidiani.


Sono disponibili tre modalità di guida: EV Mode utilizza i motori elettrici e la potenza della batteria; Series Hybrid Mode utilizza il motore a benzina per generare la potenza necessaria ai motori elettrici per fornire trazione al veicolo; Parallel Hybrid Mode utilizza il motore a benzina per generare trazione, assistito dai motori elettrici.

Eclipse Cross PHEV sarà disponibile in 3 allestimenti per rispondere perfettamente alle esigenze di tutti i clienti, anche quelli più esigenti. Inoltre, tutta la gamma avrà contenuti importanti in termini di sicurezza, grazie ai sistemi ADAS, già dall’allestimento entry-level. L’uscita è programmata per la primavera 2021 ma non abbiamo ancora una data precisa. Possiamo però già ipotizzare che il prezzo sarà inferiore rispetto alle concorrenti nominate ad inizio articolo.

Avevamo provato l’Eclipse Cross attuale…quindi se volete fare un ripassino in attesa del test drive della nuova eccola qui! http://www.thehouseofcars.it/prova-mitsubishi-eclipse-cross/

Lascia un commento