Anche 007 si converte all’elettrico

Se diciamo Aston Martin, una delle prima cose a cui pensiamo sono i mirabolanti inseguimenti di 007 a bordo delle coupé equipaggiate con gadget spaziali, progettati per l’agente segreto di Sua Maestà.
Nel prossimo film però, questi inseguimenti saranno senza sound, perché anche James Bond si convertirà all’elettrico, che tanto va di moda.

Lo scoop arriva direttamente dal tabloid britannico “The Sun” che poche ore fa ha confermato le voci che volevano James Bond a bordo una Aston Martin Rapide E, la berlina elettrica che sarà prodotta nello stabilimento gallese di St. Athan in soli 155 esemplari.
La scelta è stata decisa dal nuovo regista, Cary Joji Fukunaga, un ambientalista convinto, che ha portato dalla sua parte anche i due produttori storici del film Barbara Broccoli e Michael G. Wilson.

Le riprese del prossimo capitolo della saga in uscita nel 2020, intitolato “Shatterland”, inizieranno ad aprile e avranno come attore nei panni di 007, Daniel Craig, che ha ceduto dopo una lunga trattativa.
L’Aston Martin Rapide E è già in corso di allestimento e promettono che avrà tutti i gadget spettacolari preparati dal reparto speciale “Q”, che in Aston Martin esiste davvero e si occupa di personalizzazioni per i clienti.

La Rapide E è alimentata da due motori elettrici, che erogano fino a 603 cavalli, le fanno coprire lo 0-100 in meno di 4 secondi e raggiungere una velocità massima di 250 km/h, con un’autonomia dichiarata di circa 350 km. In teoria sufficienti per un inseguimento di James Bond.
Tuttavia, per accontentare anche i puristi amanti della DB5 Coupé, la prima Aston guidata da 007 interpretato da Sean Connery, è probabile che saranno due le auto dell’agente segreto.
Come già accaduto, in “Casino Royale” e “Spectre”, James Bond sarà al volante di vetture differenti, di cui una con motore tradizionale, che dovrebbe essere la nuova DBS.

 

Dall’Aston Martin in assetto da guerra, fino a quella sommergibile o invisibile, 007 ci ha abituati a effetti speciali. Questa volta pare sarà quello di una colonnina elettrica.

Lascia un commento