Nuova Ssangyong Korando: il drago sputa scintille

Negli ultimi anni Ssangyong ha fatto passi da gigante e la nuova Korando vuole continuare questa scia di successo facendo di tecnologia e innovazione i suoi cavalli di battaglia. Siate sinceri, quanti di voi conoscono davvero il brand coreano? Io in primis qualche tempo fa lo sottovalutavo, ritenendolo un marchio non all’altezza delle mie aspettative. Ebbene, mi sono ricreduto, perché Ssangyong sa il fatto suo, e le Rexton che abbiamo avuto in prova ne sono la conferma. Auto solide, ben rifinite, con motori interessanti e soprattutto super accessoriate ad un prezzo davvero onesto. A mio avviso la vera rinascita del marchio dei dragoni è avvenuta in Italia con la Tivoli che continua a stupire e ad affascinare con le sue linee molto personali e i suoi interni da auto appartenente ad una fascia di prezzo superiore. A molti italiani è piaciuta e sono sicuro che questa nuova versione di Korando farà lo stesso. Le linee rimangono fedeli al family feeling del marchio (la linea della precedente versione era firmata Giugiaro) , ispirandosi neanche troppo vagamente a quelle della sua sorella maggiore Rexton. Linee spigolose, angoli vivi, passaruota appariscenti e la linea a C del montante le donano un aspetto grintoso e dinamico sul quale la versione precedente non poteva contare. Al posteriore una fascia di metallo attraversa tutto il bagagliaio e accarezza i fari dal basso quasi a volerli sostenere, un elemento stilistico che crea armonia e da un senso inaspettato di premium. A stupire maggiormente sono gli interni. Qui il salto di qualità è evidente anche ai meno attenti. I materiali sembrano di ottima fattura ma a catturare l’attenzione è sicuramente la plancia divisa su tre livelli e impreziosita da led e schermi del sistema multimediale di ultima generazione chiamato Blaze Cockpit. Sembra un trionfo di pelle e simil alluminio ma di questo ce ne accerteremo più in là dal vivo. Sul cruscotto domina una strumentazione completamente digitale da 9”, che quindi in termini tecnologici rappresenta uno step successivo anche rispetto alla più blasonata Rexton. Questa volta i coreani non hanno dimenticato neanche i sistemi di assistenza alla guida come il cruise control adattivo, la frenata automatica d’emergenza, il lane assist e il rilevatore di stanchezza. Al momento le informazioni sui motori sono solo delle supposizioni, Ssangyong non ha ancora spifferato nulla. Ci si aspetta un 1.5 benzina da 130 cv che diventano 163 nelle variante mild – hybrid, e un 1.6 diesel da 115cv preso in eredità dalla Tivoli. Una voce di corridoio abbastanza insistente vedrebbe sulle strade europee pochi mesi dopo il lancio anche una versione totalmente elettrica, non male per i tempi che corrono. La nuova Korando sarà presentata ufficialmente al salone di Ginevra dal 7 al 17 Marzo, non ci resta che pazientare ancora un pò per scoprire se anche questa volta Ssangyong ha fatto centro; ma nel frattempo non perdetevi le prove di Luca a bordo del Rexton in versione suv e del Rexton Sports in versione pickup.

Galleria

Lascia un commento