Lancia Delta Integrale FUTURISTA | Amos Save the Queen

God, anzi Amos, save the Queen, che la resurrezione della Lancia Delta Integrale abbia inizio, in piccolo!

La Delta Integrale è tornata. Sono proprio curioso di sapere cosa avranno pensato gli appassionati di rally quando hanno appreso questa notizia. Anzi, penso che una rinascita così clamorosa abbia suscitato interesse anche in semplici appassionati di auto. Giovani o adulti fa poca differenza, tutti conoscono il mito della Lancia Delta Integrale e ogni piccolo input richiama ad un passato glorioso indimenticabile, ma anche difficilmente ripetibile, che recentemente non ha fatto altro che lasciare l’amaro in bocca.

La Lancia Delta Futurista torna grazie ad Automobili Amos (di Eugenio Amos, giovane pilota e facoltoso collezionista) che sta per realizzare una piccola serie, di sole 21 auto, denominate Lancia Delta Integrale Futurista.
Già questa di per sé parrebbe un’ottima notizia, ma c’è dell’altro. Amos infatti non propone solo una serie limitata di vetture restaurate in modo perfetto (ognuna tra l’altro avrà un suo nome di battesimo), bensì 21 automobili completamente ammodernate dal punto di vista tecnico per essere ancor più accattivanti, senza intaccare l’ineguagliabile fascino del Deltone originale.

La base è naturalmente lei, una Delta Integrale con telaio rinforzato seguendo le specifiche delle vetture da rally del gruppo A degli anni 80. Sospensioni anteriori a doppio quadrilatero accompagnate da ammortizzatori Blistein a controllo elettronico (regolabili tramite un’applicazione su smartphone), un impianto frenante di moderna concezione, dei cerchi in lega forgiati esclusivi per questo modello e una messa a punto ad hoc del glorioso 4 cilindri sono gli ingredienti giusti per una ricetta esplosiva (creata da Atmos e Podium Advance Technologies, un’azienda navigata nel settore automotive) che strizza un occhio anche all’estetica.

L’estetica della Lancia Delta Integrale Futurista è l’elemento più interessante e distintivo della vettura. La collaborazione totale con lo studio milanese di design BorromeoDeSilva ha prodotto una rivisitazione soft della carrozzeria della storica Deltona, con la scomparsa delle due porte posteriori direttamente saldate al resto della carrozzeria – dettaglio che AMO – la presenza di materiali e dettagli in fibra di carbonio, attorno alle prese d’aria, e metalli leggeri, un estrattore posteriore inedito, un frontale più massiccio ed aggressivo e l’ultimo ma non meno importante dettaglio ovvero lo spoiler posteriore ispirato alla mitica S4.

Altra chicca: anche gli interni della Lancia Delta Integrale Futurista sono stati rivisti, con un occhio all’originale. Vedi i sedili monoguscio con rivestimento in Alcantara beige come sulla storica. Ma c’è di più! Perché quel genio di Amos ha messo lì, quasi per caso, due tastini, che ogni appassionato di auto sogna! Uno rosso alla sommità della consolle col disegno di un razzo, probabilmente quello dell’accensione, e infine quello degli abbaglianti con la scritta “levati” sulla razza del volante!

Che dire, i 20 fortunati sicuramente avranno un prodotto unico tra le mani, un pezzo di storia moderna con forti richiami al passato che speriamo possa far breccia nel cuore degli appassionati cancellando quella piccola parentesi del 2008 che vede la nonna delusa dalla sua nipotina ormai troppo imborghesita (sto parlando della Delta 2008 che aveva ormai smarrito il DNA della storica Integrale). Ne sapremo di più tra qualche giorno, perché la Futurista sarà presentata ufficialmente al Grand Basel di Basilea dal 6 al 9 Settembre.

Il prezzo? 300.000 euro che io sgancerei subito! E infine una chicca esclusiva: il verde della presentazione. Se lo volete anche sulla vostra vettura, si chiama Onyx HD Verde Brinzio!

Stay Tuned , la regina dei rally sta tornando, ed è più in forma che mai.

2 Risposte a “Lancia Delta Integrale FUTURISTA | Amos Save the Queen”

  1. Mitica Delta, affascinante questa reinterpretazione!

    1. Un sogno per ogni appassionato e vista dal vivo è pure rifinita nei minimi dettagli!

Lascia un commento